Gli automodelli ICIS-FERGAM

Prodotti solo dal 1959 al 1960, sono molto ricercati dai collezionisti.

Catalogo ICIS

Gli automodelli ICIS o ICIS-FERGAM non erano dei bei modelli.
A mio giudizio erano poco fedeli rispetto agli originali.
Peccavano nei particolari, ma anche nella linea. Le rifiniture erano in plastica, senza interni, con vetri in plexiglas, ruote in metallo e pneumatici in gomma.
Diciamo che il loro pregio attuale è l’estrema rarità, visto che vennero commercializzati solo dal 1959 fino alla fine del 1960. Un periodo molto esiguo quindi e per questo sono molto ricercati dai collezionisti, visto che gli esemplari attualmente disponibili sono veramente pochi.

ICIS Fiat 1200 spider

I modelli della serie sono stati solo una decina, mentre altri tre vennero annunciati sul catalogo della ditta, ma non videro mai la luce a causa della cessione dell’attività.
Vediamo i modelli, ricordando che erano in scala 1/43 circa:

ICIS ferrari

– Fiat 500 prima serie del 1957/58, modello piuttosto scadente
– Fiat 600 seconda serie del 1957, scadente anch’esso
– Fiat 1200GL prima serie con verniciatura bicolore, modello mediocre
– Fiat 1800 berlina e Lancia Flaminia berlina entrambe di scarsa fattura
– Alfa Romeo Giulietta TI modello 1959, discreta realizzazione ed è uno dei più rari essendo stato prodotto in pochissimi pezzi
– Fiat 1200 spider modello 1958, linea scadente ma modello ancora più raro e ricercato del precedente
– Ferrari 250GT Pininfarina del 1958, modello discreto ed interessante con cromature e targa posteriore di Milano stampata sulla carrozzeria
– Lancia Appia seconda serie berlina accettabilmente riprodotta
– Lancia Appia coupe’ seconda serie, di discreta fattura.

ICIS Lancia Appia Coupe’

I modelli ICIS, all’epoca, avevano un prezzo elevato (circa 500 lire), e probabilmente fu questa, oltre alla loro scarsa fattura, una delle ragioni principali del loro insuccesso commerciale.
Gli ultimi tre modelli annunciati e mai commercializzati, furono la Lancia Flaminia Sport Zagato, Maserati GT e la Fiat 1800 familiare.

Nicola

Lascia un commento